Il nostro sito utilizza cookie tecnici. Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per il miglioramento dell'esperienza e la misurazione come specificato nella "cookie policy".
Il rifiuto del consenso può rendere non disponibile le relative funzioni. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Proseguendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.

OKCHIUDICookie Policy
  • Chiudi
  • IT

Risparmio energetico: alcuni suggerimenti

Pubblicato il 31.01.2022

Negli ultimi anni, grazie anche alle nuove manovre per la salvaguardia del pianeta, sempre più famiglie si stanno preoccupando di abbassare i consumi energetici, siano essi casalinghi o extra-casalinghi. In tale condizione si possono avere benefici non solo per tutelare le emissioni di biossido di carbonio nell'ambiente, ma anche un notevole risparmio nei costi in bolletta. Nelle prossime righe analizzeremo alcune buone abitudini per avere un risparmio energetico intelligente e funzionale.


L'importanza di pianificare le risorse: consigli per risparmio energetico

Le metodologie per risparmiare energia elettrica sono tante, ma vediamo quelle più rilevanti e percentualmente più significative.

Classe energetica

Affinché si possano abbassare i costi energetici in casa è opportuno valutare l'acquisto di elettrodomestici con una classe energetica eccellente. I modelli migliori hanno una scala di valutazione massima A+++, ma anche un prodotto con una classe di efficienza energetica B può essere molto vantaggioso nel tempo.
Inoltre è importante provvedere all'isolamento termico dell'abitazione, magari installando infissi in PVC e coibentando le pareti. Per il primo intervento, la consulenza del tuo fabbro di zona può risultare fondamentale.

Temperatura degli ambienti

Gli ambienti, siano essi casalinghi o di lavoro, devono avere una temperatura interna intorno ai 18-19°C nelle stagioni fredde e non inferiore ai 25°C nelle stagioni calde. La regolazione della temperatura rende meno incisivo il consumo degli impianti di riscaldamento o di condizionamento. Gli orari notturni invece possono essere limitati a 16°C, temperatura che indurrà, a impianti spenti, un risparmio energetico del 10%.

Illuminazione

Una soluzione sempre più utilizzata nelle abitazioni che hanno la necessità di abbassare i costi in bolletta figura sicuramente l'installazione di lampade a risparmio energetico. L'illuminazione viene in molti casi trascurata e ci si affida a lampade incandescenti molto più energivore e con un fattore di efficienza peggiore. Le luci a LED consentono un risparmio energetico fino all'80%, garantendo allo stesso tempo una migliore longevità.
Anche i sensori di presenza digitali permettono di ottimizzare al meglio i punti luce interni ed esterni degli ambienti.

Impianto solare termico

Non vi è nessun dubbio sul fatto che un sistema solare termico consenta di limitare le emissioni nell'ambiente e accumulare energia pulita nelle batterie dedicate. I consumi verranno abbattuti notevolmente e si potrà contare sulla vendita dell'energia in eccesso. Si aggiunge anche la possibilità di beneficiare di detrazioni fiscali significative, legate non solo al Superbonus 110%, ma anche a legislazioni precedenti.

Impianto domotico

Sebbene la pianificazione e l'installazione di un impianto domotico possa comportare dei costi iniziali, esso è la soluzione migliore per risparmiare energia elettrica nel corso degli anni. Sia gli uffici che le abitazioni civili possono ridurre notevolmente lo spreco di risorse energetiche pianificando e automatizzando i dispositivi installati negli ambienti interni ed esterni. Tantissime aziende offrono servizi per la progettazione di impianti domotici atti al risparmio energetico, siano essi volti a un sistema centralizzato oppure polifunzionale.

Stand-by

Non tutti sanno che i dispositivi elettronici presenti in casa, anche nella modalità stand-by, hanno un consumo che nel tempo ha una certa incidenza. Stampanti, fax, stereo, televisori e computer necessitano di elevate quantità di energia, sebbene vengano spenti parzialmente, il loro consumo è costante e può essere evitato. I dati ufficiali sul consumo degli elettrodomestici utilizzati in Italia si attestano in media su 450 Kwh all'anno, per esempio un'antenna satellitare a pieno carico energetico consuma 22W e in stand-by 14W, numeri da non sottovalutare.

Conclusioni

La salvaguardia del pianeta e del proprio portafogli può avvenire con piccoli accorgimenti quotidiani nel consumo dell'energia elettrica. Spegnere gli elettrodomestici in stand-by, utilizzare un'illuminazione a LED e sfruttare un impianto solare termico possono essere soluzioni di grande rilevanza.

I nostri marchi

Tutti i contenuti sono di proprietà Energy DueGi srl

PointCookie Policy
Ready Pro ecommerce